Castello Eltz

Il castello Eltz e le sue principali attrazioni

 

Il castello Eltz è caratterizzato dalla sua architettura eccezionale con bovindi, cuspidi, costruzioni a graticcio, tetti a forte pendenza e otto torri che arrivano a 35 metri d'altezza. Per chi lo vede per la prima volta sembra "la quintessenza di un castello medievale" (Georg Dehio).


 

La posizione del castello è incomparabile: nascosto in una vallata e allo stesso tempo su una rupe rocciosa alta 70 metri, in mezzo a una bellissima riserva naturale, circondato da tre lati dal fiume Elzbach, un affluente della Mosella, il castello Eltz fa sognare i visitatori, che si ritrovano in pieno Medioevo.


 

Il cortile interno del castello rispecchia cinque secoli d'architettura (dal 1150 al 1650) e racconta la storia complicata della coabitazione in uno spazio molto ristretto dei tre rami del casato dei von Eltz (Rübenach, Rodendorf e Kempenich).


 

L'evento principale per chi arriva al castello Eltz è la visita guidata con la presentazione dell'architettura eterogenea e del prezioso arredamento autentico, che aiutano a comprendere come si viveva qui nel Medioevo e all'inizio dell'Età moderna.


 

Nella sala del tesoro è esposta una delle più importanti collezioni europee di armi e oggetti preziosi. La famiglia von Eltz ha riunito qui in 850 anni di storia armi antiche, capolavori d'oreficeria e argenteria, porcellane, gioielli, opere in vetro e avorio, monete e oggetti curiosi.


Sala dei cavalieri: armature, scudi e maschere di buffoni
 

La sala dei cavalieri è la stanza più sontuosa del castello, dove si possono ammirare armature imponenti, le travi pesanti del soffitto, un fregio araldico originale e varie maschere di buffoni, simboli della libertà di parola. Qui si riunivano per affari i signori dei tre rami del casato dei von Eltz e si celebravano le feste.


La cucina della casa dei Rodendorf: l'attrazione più apprezzata dai visitatori
 

Questa cucina risale al XV secolo e da allora è rimasta praticamente inalterata. Pertanto risultano molto evidenti le differenze tra la vita nel Medioevo e quella odierna.


 

La Madonna col bambino e grappolo d'uva, un capolavoro di Lucas Cranach il Vecchio, è l'opera d'arte più famosa esposta al castello Eltz.


 

Questa statuetta realizzata da Joachim Friess intorno al 1600 è la star della sala del tesoro. Azionata da un meccanismo a orologeria, veniva fatta girare sulla tavola durante i banchetti. Quando si fermava davanti a un commensale, quella persona doveva bere il vino contenuto nel cervo.


 

Questo capolavoro dell'orafo e argentiere Christoph Lindberger risalente al 1557 è probabilmente la curiosità più scurrile della sala del tesoro del castello Eltz.